venerdì 4 novembre 2016

LdL - Luoghi pubblici

Venerdì con nuovi Luoghi da Leggere!


Abbiamo visitato CucinaPoltronaBiblioteca, Balcone, NaturaTreno e Luoghi segreti, per approdare oggi in spazi aperti e... affollati!

illustrazione di Kanako

Bar, caffetterie, pasticcerie, piazze, giardini, librerie... di luoghi pubblici in cui leggere ce ne sono tantissimi e ognuno può scegliere quello che più gli aggrada.
Se vi piace sorseggiare un caffè o sgranocchiare una tartina, se amate avere un sottofondo di rumori cittadini o apprezzate il caldo brulicante di un negozio,
gli spazi comuni fanno per voi!

illustrazione di Emma Block

Il bello di questi spazi è che si possono sfruttare in qualsiasi momento e stagione; in belle mattinate primaverili per colazione, o in pause pranzo autunnali e solitarie, o ancora nei brevi pomeriggi invernali, ogni istante è perfetto.
Vi basta un libro e un poco di tempo.

dipinto di Keith Larson

I luoghi pubblici come i bar operano una strana alchimia, quando vi si rifugia da soli a leggere.
La confusione degli avventori e dei gestori del locale creano, per paradosso, una sfera protettiva attorno al lettore solitario; ne rispettano lo spazio sacro, l'intimità, coccolandolo e abbracciandolo.

Le librerie, sia quelle delle grandi catene che quelle piccole dotate di poltroncine in cui assaggiare i libri in vendita, offrono lo stesso filtro di protezione avvolgente ma con un pizzico di distacco in più.
Qui il lettore è nel suo habitat e vi si confonde, attirando meno l'attenzione.

illustrazione di Xiao Huang

C'è chi riesce a leggere anche camminando, in mezzo alla strada, in un parco o lungo fornitissimi mercatini di libri antichi.

Io personalmente preferisco leggere in luoghi privati o dedicati (come le biblioteche), in cui mi distraggo meno; ma anche quelli aperti e pieni di vita hanno il loro fascino.
Mi danno la sensazione di potersi nascondere, sotto gli occhi di tutti.

E voi in quali luoghi pubblici amate leggere?

illustrazione di Richard Erdoes


2 commenti:

Anna Bernasconi ha detto...

In effetti è vero, in un luogo pubblico pieno di sconosciuti può crearsi una sfera protettiva più che in casa, se è piena di parenti che continuano ad interrompere! :D

Ila ha detto...

Ciao cara, ehehe è proprio vero! :D
Grazie della visita :*